Legambiente e Alce Nero collaborano da diversi anni ad una campagna di informazione, divulgazione e comunicazione per la conversione al biologico dell’agricoltura italiana, con particolare riguardo alla Nuova Agricoltura, al tema dei pesticidi per la diffusione di modelli agronomici orientati all’agroecologia, la diffusione di stili di vita sostenibili con l’organizzazione di iniziative diffuse sul territorio attraverso la rete delle Festambiente. Dal 2016 l’azienda è lo sponsor ufficiale del “Dossier Pesticidi” di Legambiente.
COPROB, presente sul mercato con la marca Italia Zuccheri, è l’unico operatore del settore bieticolo saccarifero italiano con i suoi 2 zuccherifici di Minerbio (BO) e Pontelongo (PD); nata nel 1962 in Emilia Romagna ha allargato il bacino associativo al Veneto e si caratterizza per una gestione completa della filiera dal campo al cliente. Pienamente integrata con i suoi 5.000 soci produttori agricoli (cui si aggiungono altri 2.000 agricoltori), offre ai bieticoltori consulenza agronomica e servizi. Ha consolidato la produzione di zucchero in Italia e ha valorizzato l’italianità dello zucchero prodotto, certificato da autorevoli Enti esterni. Chi cerca il marchio Italia Zuccheri acquista sempre zucchero controllato, tracciato e garantito; certificato per aumentare consapevolezza e sicurezza alimentare dei clienti. Lo zucchero “100% italiano” di Italia Zuccheri rappresenta la promozione di pratiche agricole sostenibili e garantisce l’ottimizzazione degli indicatori di impatto ambientale a vantaggio del sistema agroalimentare nazionale nel suo complesso. In questo ha saputo fondere la tradizione con l’innovazione e la comunicazione moderna. Dopo anni di ricerca, ha avviato su 1.300 ettari la prima filiera biologica di barbabietola da zucchero dislocati non solo nei bacini tradizionali di coltivazione, ma estesi a regioni dove la bieticoltura si era persa a seguito della riforma europea: Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Marche e Abruzzo.
Coop, attraverso le cooperative associate, è una delle primarie insegne della distribuzione italiana. Con 6,7 milioni di soci, oltre un quarto delle famiglie italiane è proprietaria delle cooperative associate a marchio Coop. Sono 95.000 i soci che partecipano attivamente alle assemblee di bilancio, oltre 4.000 soci eletti e 2500 soci volontari che animano 4500 iniziative sul territorio. Nel 2019 Coop ha partecipato al primo Forum Agroecologia di Legambiente in qualità di partner.
Iccrea BancaImpresa ha aderito come partner principale dell’Ecoforum nazionale organizzato da Legambiente, la conferenza annuale sulla corretta gestione dei rifiuti e dell’economia circolare. Il 2018 è l’anno della definitiva conferma del nuovo pacchetto di direttive europee sull’economia circolare, destinate ad accelerare, se recepite con rapidità ed efficacia, la transizione verso una nuova economia. Le Banche di credito cooperativo sostengono lo sviluppo dei territori con l’obiettivo di migliorare la condizione materiale, culturale ed economica dei soci e, attraverso loro, delle comunità di riferimento, anche grazie alla diffusione della cultura ambientale come driver di innovazione, tutela e sviluppo.
Legambiente e Oleificio Zucchi da diversi anni collaborano su un innovativo progetto di sostenibilità della filiere olearie dei semi e dell’oliva, puntando sulla qualità, sulla sicurezza alimentare e la tracciabilità del prodotto. Dal 2015 l’azienda può fregiarsi dell’autorevole logo “Consigliato da Legambiente”, che distingue una gamma completa di oli di semi ed oli extra vergine d’oliva (EVO) prodotti nel rispetto di un nuovo disciplinare volontario definito insieme a Legambiente.
Romagnoli e Legambiente collaborano da diversi anni all’interno dei percorsi di LAIQ, il marchio sull’agricoltura italiana di qualità di Legambiente. Nel 2019 Romagnoli ha partecipato alla prima edizione del “Forum Agroecologia Circolare – Dal campo alla tavola” in qualità di partner.
Legambiente e Naturasì collaborano in una serie di iniziative volte alla valorizzazione del biologico, delle filiere agroalimentari, della fertilità del terreno, del lavoro agricolo retribuito in modo giusto e la deplastificazione dei packaging. Nel 2018 la collaborazione ha previsto la presentazione delle retine riutilizzabili per l’ortofrutta e la campagna “il Prezzo Giusto” che vuole accendere i riflettori su ciò che normalmente l’etichetta non dice, puntando ad arrivare a un “giusto prezzo dei prodotti”, giusto per chi lavora i campi, per i consumatori, per l’ambiente.
Nel 2019 Barilla ha partecipato alla prima edizione del “Forum Agroecologia Circolare – Dal campo alla tavola” in qualità di partner.
Bonifiche Ferraresi è un’azienda agricola italiana attiva nella coltivazione e commercializzazione di prodotti agricoli. La società agricola – in fase di crescita e sviluppo dopo l’acquisizione da parte di BF Holding S.p.A. avvenuta nel giugno 2014 – conta ad oggi un patrimonio di circa 5.500 ettari, affermandosi come il primo proprietario terriero in Italia.
I terreni di Bonifiche Ferraresi sono destinati a coltivazioni di riso, mais, grano duro e tenero, orzo, barbabietole da zucchero, erba medica, girasole, soia, orticole piante officinali e frutta. Bonifiche Ferraresi opera tenendo conto dei bisogni della collettività e contribuisce allo sviluppo economico, sociale e civile delle comunità in cui opera.
Gruppo Fabbri è una realtà industriale internazionale leader nella produzione e vendita di macchine e film per il confezionamento alimentare, da oltre 60 anni sul mercato. Sensibile alle tematiche ambientali, Gruppo Fabbri vanta una percentuale di riciclo interno in fase di produzione pari al 99,7% Dedica inoltre il 5% circa del proprio fatturato annuale ad attività di R&D, dedicate in special modo allo sviluppo di pellicole sostenibili o in fase di produzione (come BIOBASED STAR FILM, derivante per il 60% da materie prime di origine rinnovabile invece che fossile) o in fase di fine vita (come Nature Fresh, la prima pellicola estensibile compostabile certificata presente sul mercato). In questo contesto si inserisce la partnership con Legambiente, iniziata con la XXXI edizione di Festambiente, all’interno del Padiglione dell’Agroecologia, e proseguita con la prima edizione del Forum Agroecologia Circolare.
Legambiente e CIB – Consorzio Italiano Biogas collaborano da anni per la valorizzazione del biometano, una risorsa rinnovabile sempre più strategica nel settore dei trasporti e nei consumi domestici e che può offrire occasioni di rilancio per le imprese, soprattutto agricole, oltre che uno strumento fondamentale per la lotta ai cambiamenti climatici e nella gestione dei rifiuti. Nel 2019 CIB ha partecipato in qualità di partner al III Convegno nazionale “L’Era del Biometano” e alla prima edizione del “Forum Agroecologia Circolare – Dal campo alla tavola”.
Rigoni di Asiago srl è un gruppo italiano attivo nel settore alimentare conosciuta per la produzione di miele e confetture con sede ad Asiago. Nel 2019 Rigoni di Asiago ha partecipato alla XXXI edizione di Festambiente, all’interno del Padiglione dell’Agroecologia, e alla prima edizione del Forum Agroecologia Circolare.
Nel 2019 CONIP – Consorzio Nazionale Imballaggi Plastici, ha partecipato alla prima edizione del “Forum Agroecologia Circolare – Dal campo alla tavola” in qualità di partner.
Nel 2019 Conapi ha partecipato alla prima edizione del “Forum Agroecologia Circolare – Dal campo alla tavola” in qualità di partner.