V FORUM NAZIONALE AGROECOLOGIA CIRCOLARE: CRISI CLIMATICA, AUMENTO DEI PREZZI E RITARDO DELLE POLITICHE AGRICOLE METTONO SOTTO SCACCO L’AGRICOLTURA ITALIANA, DATI E PROPOSTE DI LEGAMBIENTE

Nella Penisola da inizio 2023 ben 41 gli eventi meteorologici estremi che hanno causato danni all’agricoltura. Emilia-Romagna, Veneto, Toscana e Piemonte le regioni più colpite

Italia in ritardo sugli obiettivi europei al 2030 della direttiva From farm to fork e Biodiversity e sull’attuazione del PAN. Il Governo Meloni voti no alla proroga per l’utilizzo del glifosato in Europa

Legambiente: “La via maestra da seguire è quella dell’agroecologia e dell’agricoltura biologica. Proponiamo IVA al 2% per tutti i prodotti biologici certificati, bonus fiscali e credito d’imposta  per le aziende agricole che decidono di convertirsi al biologico. Forte riduzione della chimica in agricoltura e degli antibiotici negli allevamenti. Si emanino subito i decreti attuativi della legge sul biologico e più risorse per la diffusione dei biodistretti”


Premiati oggi 10 ambasciatori dell’agroecologia:
2 amministrazioni comunali, 7 aziende agricole di cui una ittica, una cooperativa

Cartella Digital (videoschede)

Strada in salita per l’agricoltura italiana, segnata sempre più dagli impatti della crisi climatica, dall’aumento dei prezzi e dai ritardi sul fronte delle politiche agricole. A fare il punto della situazione, con dati alla mano anche sugli eventi meteorologici estremi elaborati dal suo Osservatorio Città Clima, è oggi Legambiente con il V Forum nazionale Agroecologia Circolare. In Italia, nei primi dieci mesi del 2023 sono stati ben 41 gli eventi meteorologici estremi, una media di 4 al mese, che hanno causato danni all’agricoltura con pesanti ripercussioni economiche. Emilia-Romagna con 10 casi, Veneto (6), Toscana (4) e Piemonte (4) le regioni più colpite. Un anno nero per l’agricoltura e se si guarda indietro, negli ultimi quattro anni (dal 2020 a ottobre 2023) sono stati registrati 80 eventi sui 114 totali che dal 2010 hanno causato danni al settore agricolo, oltre il 70%. Nord e Sud Italia le zone più colpite in questi quattro anni con Emilia-Romagna 15 casi, Piemonte 14, Puglia 11, Veneto 10, Lombardia e Sicilia 7, in sofferenza.

Di fronte a questo quadro, a preoccupare è anche l’aumento dei prezzi dei prodotti agricoli e il fatto che l’Italia sia in ritardo rispetto agli obiettivi europei fissati al 2030 dalle direttive From farm to fork e Biodiversity – che prevedono la riduzione del 50% dei pesticidi, del 20% dei fertilizzanti, del 50% degli antibiotici utilizzati negli allevamenti, il raggiungimento del 10% di aree dedicate a biodiversità e corridoi ecologici nei terreni agricoli e del 25 % di biologico a livello europeo –; all’attuazione del Piano di Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, il PAN, l’ultima stesura risale al 2014 e la sua scadenza era fissata per il 2019 e all’emanazione dei decreti attuativi della legge sull’agricoltura biologica approvata nel marzo 2022. Preoccupante anche sul fronte europeo il ritardo e le incertezze sull’approvazione del SUR, il regolamento europeo sull’uso dei pesticidi, e la posizione favorevole dell’Italia sulla proroga all’utilizzo per altri dieci anni del glifosato in Europa, su cui è necessario un deciso cambio di rotta.

Per Legambiente la via maestra da seguire è quella tracciata dall’agroecologia, dall’innalzamento dell’asticella dell’agricoltura integrata, dall’agricoltura bio e dalle tante esperienze virtuose, i cosiddetti “Ambasciatori dell’Agroecologia”, che ben raccontano la transizione ecologica già in atto nel comparto agricolo. Sono questi per l’associazione ambientalista i tre pilastri su cui l’Italia deve accelerare il passo, recuperando anche i tanti ritardi accumulati fino ad ora e dicendo no all’utilizzo del glifosato in Europa. Sei le proposte, di cui tre tecniche, che Legambiente indirizza oggi al Governo Meloni e in primis al ministro dell’Agricoltura e che mettono al centro l’agroecologia, capace di unire innovazione e sostenibilità rispondendo in maniera resiliente alla crisi climatica in atto, e l’agricoltura biologica che può fare da apripista all’intero settore agroalimentare. Per raggiungere questo obiettivo occorre prima di tutto superare il gap tra domanda e offerta, riducendo i costi per i produttori e per i consumatori.

Per questo Legambiente propone l’IVA al 2% per tutti i prodotti biologici certificati, bonus fiscali (dedicati alle donne in gravidanza, ai bambini e alle categorie più fragili) e credito d’imposta per le aziende agricole che decidono di convertirsi al biologico per ridurre i costi della certificazione oggi totalmente a carico degli agricoltori. Non va dimenticato che l’Italia è leader sul biologico con 90.000 operatori, più di 2 milioni di ettari coltivati a biologico e ha raggiunto il 18,7% della SAU (Nomisma 2023).

Tra le altre proposte, occorre approvare il Piano d’Azione Nazionale sul biologico ed emanare al più presto i decreti attuativi sulla legge sull’agricoltura biologica approvata nel 2022 dopo 13 anni, dando un segnale chiaro, il medesimo che chiedono – con forza – i consumatori e le aziende del settore. Destinare più risorse alla realizzazione di biodistretti che sono in continua crescita. Dall’altro canto serve un serio impegno delle istituzioni per approvare in tempi rapidi il SUR, il regolamento europeo sull’uso dei pesticidi, strumento strategico per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dell’utilizzo di fitofarmaci posti dall’Ue, la cui sorte verrà decisa il prossimo 20 novembre con il voto in plenaria del Parlamento europeo. Il rischio è che vengano eliminati gli obiettivi di riduzione di pesticidi vincolanti per gli stati membri e il divieto di utilizzo nelle aree sensibili. Legambiente rilancia, infine, l’appello ai ministri dell’Ambiente, della Salute e dell’Agricoltura, sollecitati anche nei giorni scorsi insieme ad un vasto cartello di associazioni, affinché l’Italia voti no alla controversa proposta della Commissione Europea di prorogare l’utilizzo del glifosato per altri dieci anni in Europa per cui proprio oggi è prevista la decisione. L’Italia dia un segnalo forte e chiaro, stop ai pesticidi in agricoltura.

“Il nostro Paese – dichiara Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente– è pronto alla transizione ecologica delle filiere agroalimentari, chiede un cibo sempre più sano e giusto e vuole poter contare su un prodotto sostenibile dal campo alla tavola. Per andare in questa direzione serve rimettere al centro i tre pilastri della sostenibilità – ambientale, sociale ed economica – garantendo reddito e maggiore sicurezza agli operatori del settore. Favorire il made in Italy, sostenere le nostre filiere, fornendo supporto tecnico di fronte alle incertezze legate alla crisi climatica e all’aumento dei prezzi, è l’unica via dicendo allo stesso tempo no alla proroga per l’utilizzo del glifosato in Europa. L’agricoltura è in transizione, lavoriamo insieme affinché lo sia anche il Paese”.

“Il modello agroalimentare che vogliamo promuovere – spiega Angelo Gentili, responsabile nazionale agricoltura Legambiente – deve essere capace di ridurre gli input negativi della chimica di sintesi, ma anche quelli idrici ed energetici, e diminuire fortemente le emissioni climalteranti, innalzando l’asticella dell’agricoltura integrata, promuovendo senza indugi il biologico, cambiando l’intero sistema a 360° e favorendo l’innovazione tecnologica. Deve poi scommettere sull’economia circolare, come già stanno facendo numerose aziende virtuose, sull’efficienza energetica; sul rinnovo del parco macchine; sul biogas e biometano fatto bene; sul fotovoltaico sui tetti dei capannoni, andando oltre l’autoconsumo e favorendo le comunità energetiche; sull’agrivoltaico, che unisce all’innovazione tecnologica dei pannelli fotovoltaici, le pratiche agricole realizzate in modo complementare, evitando consumo di suolo con una sinergia positiva fra produzione agricola ed energetica. È questa la ricetta vincente”.

Il V Forum Agroecologia Circolare, che rientra tra gli eventi di punta di Legambiente in vista del XII Congresso nazionale previsto l’1, 2, 3 dicembre a Roma all’Auditorium Massimo, ha visto oggi a Roma esperti di settore, associazioni e rappresentanti istituzionali confrontarsi sul tema, ma anche sulle ripercussioni economiche che la crisi climatica sta causando all’agricoltura. Secondo l’analisi di Coldiretti, nel 2023 i danni, tra coltivazioni e infrastrutture, superano i 6 miliardi di euro dello scorso anno a causa dei cambiamenti climatici con un taglio del 10% della produzione di grano, del 60% per le ciliegie e del 63% delle pere mentre il raccolto di miele è sceso del 70% rispetto allo scorso anno, e si registrano un calo anche per il pomodoro e per viticoltura (-12%). Di fronte a questo quadro è quanto mai urgente riflettere su nuovo modello agricolo che sia anche resiliente e l’agroecologia può dare delle risposte chiare e precise. Per Legambiente l’agroecologia è senza dubbio la strada da seguire per ridurre i danni dei cambiamenti climatici, aumentando la fertilità del suolo, favorendo l’equilibrio tra biodiversità naturale ed agricola, rendendo le produzioni capaci di resistere meglio sia alle avversità climatiche ed alla siccità sia alle patologie.

Premio Ambasciatori del’Agroecologia, i premiati 2023: Il V Forum Agroecologia Circolare è stata anche l’occasione per premiare i vincitori del Premio agli Ambasciatori dell’Agroecologia 2023. Dieci le realtà premiate, soprattutto donne e giovani: 2 comuni, Roseto Capo Spulico (CS) per le politiche di tutela ambientale e l’adesione alla rete delle Città Libere dai pesticidi e Tollo (CH) per i numerosi progetti sul tema della sostenibilità, della riduzione dell’utilizzo di fitofarmaci e promozione del biologico; 1 cooperativa, GOEL che opera dal 2003 per il riscatto e il cambiamento della Calabria attraverso lavoro, promozione sociale e un’opposizione attiva all‘ndrangheta. Premiate anche 7 aziende agricole di cui una ittica: l’Azienda agricola “Al Confin” a Camisano Vicentino (VI) per la diffusione del biologico nell’ambito di un modello aziendale basato sull’ecosostenibilità e attività educative in natura; l’Azienda Agricola Boccea di Roma che segue i principi dell’agroecologia con una gestione sostenibile degli allevamenti zootecnici; la Cantina Parasole piccola azienda vitivinicola dell’Isola del Giglio che produce l’“Ansonaco” secondo le tradizioni isolane dell’agricoltura eroica; l’azienda agricola San Rocco sull’Isola di Capraia (LI) nata nel 2015 che conserva e sviluppa la tradizione apistica familiare isolana, valorizzando il miele, fin dal 1700 un’eccellenza dell’isola; l’azienda agricola la Petrosa a Ceraso (SA) che produce prodotti biologici attraverso i principi dell’agricoltura organica e rigenerativa; l’azienda agricola Desiante a Gravina in Puglia (BA) che coltiva grano italiano biologico, cereali e grani antichi e che guarda al mondo agricolo anche come generatore di identità culturali e territoriali dal profondo valore sociale; l’azienda ittica “Alici di Menaica” a Castellabate (SA) nata nel 2000 tramanda la pesca delle alici con l’antica tecnica della Menaica. Anche la lavorazione è artigianale e con stagionatura naturale del prodotto.

 

Il Forum Agroecologia è realizzato da Legambiente con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica e la Regione Lazio

Media partner: La Nuova Ecologia

Sono Partner Principali: Fileni Bio, Italia Zuccheri, Mater-Agro Novamont

Sono Partner Sostenitori: Alce Nero, Apo Conerpo, Bonifiche Ferraresi, CIB

Sono Partner: Almaverde Bio, Carioni, Conapi – Mielizia, Ecomondo, F.lli Romagnoli, Oleificio Zucchi